Vigili del Fuoco

Informazioni Amministrazione

Il Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco, prima frammentato nei vari corpi comunali, nasce come tale con il Regio Decreto Legge del 27 febbraio 1939, successivamente convertito in Legge 1570 del 27 dicembre 1941, ed è chiamato inizialmente “a tutelare la incolumità delle persone e la salvezza delle cose, mediante la prevenzione e l’estinzione degli incendi e l’apporto di servizi tecnici in genere, anche ai fini della protezione antiaerea”.

In seguito allo sviluppo del paese questi compiti diventano sempre più complessi e differenziati, fino a che il D.Lgs. n. 139 dell’ 8 marzo 2006 stabilisce che: “Il Corpo nazionale dei vigili del fuoco, è una struttura dello Stato ad ordinamento civile, incardinata nel Ministero dell’interno Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, per mezzo del quale il Ministero dell’interno assicura, anche per la difesa civile, il servizio di soccorso pubblico e di prevenzione ed estinzione degli incendi su tutto il territorio nazionale, nonché lo svolgimento delle altre attività assegnate al Corpo nazionale dalle leggi e dai regolamenti, secondo quanto previsto nel presente decreto legislativo.”

Ogni giorno, ogni notte i vigili del fuoco sono pronti ad intervenire a soccorso di persone, a salvaguardia di beni, a tutela dell’ambiente.

La rapidità di intervento, la competenza e l’esperienza purtroppo acquisita in precedenti attività di protezione civile si rivelano fondamentali nell’opera di soccorso alle popolazioni colpite da calamità naturali o grandi eventi disastrosi. All’impegno sempre massimo ed alla professionalità dimostrate in ogni occasione da tutti i componenti del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco si affiancano mezzi e tecnologie sempre più efficaci, frutto dell’esperienza quotidiana nel soccorso.

Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, è impegnato a fianco dei bambini dal 1989, da quando cioè ha ricevuto la nomina di “ambasciatore di buona volontà” da parte del Comitato Italiano per l’Unicef.

Fonte: www.vigilfuoco.it.

PROVE DI ACCESSO

Prova Preselettiva

La prova preselettiva verte su:

  • storia d’Italia dal 1861
  • geografia d’Italia e d’Europa
  • letteratura italiana dal 1800
  • educazione civica
  • aritmetica
  • geometria
  • comprensione del testo
  • logica

Il colloquio verte, oltre che sulle materie oggetto della prova preselettiva, con particolare riguardo alle discipline tecnico-scientifiche relative al livello di istruzione della scuola dell’obbligo, volte a verificare la conoscenza degli elementi di base che trovano riscontro nell’attività del vigile del fuoco, anche su:

  • ordinamento del Ministero dell’Interno e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco
  • elementi di informatica
  • lingua straniera scelta dal candidato fra quelle indicate nel bando (inglese, francese, spagnolo, tedesco)

Prove Motorio-Attitudinali

MODULO I – TRAZIONI ALLA SBARRA

Il candidato deve eseguire il massimo numero di trazioni alla sbarra fissa nel tempo limite di un minuto. Il modulo si intende superato qualora il candidato effettui almeno tre trazioni complete.

PROTOCOLLO:
Partenza in sospensione tesa alla sbarra, braccia completamente distese, con impugnatura dorsale (pollici in dentro) e distanza tra le mani pari a circa la larghezza delle spalle: effettuare trazioni complete con arrivo a braccia completamente flesse e mento che supera la sbarra.
Nel rispetto del protocollo del test e conseguente validità della prova e/o delle singole esecuzioni il candidato dovrà: – assumere, all’inizio della prova e prima dell’esecuzione di ogni successiva trazione, la posizione in sospensione attiva a braccia completamente distese;

MODULO II – CIRCUITO MOTORIO

Il candidato deve percorrere l’intero percorso predisposto, nel minor tempo possibile, superando tutte le postazioni presenti nell’ordine e con le modalità prefissate; una volta iniziata, la prova non può essere interrotta. Il modulo si intende superato qualora il candidato completi l’intero percorso in un tempo massimo di 120 secondi.

PROTOCOLLO:
Posizione di partenza: il candidato deve assumere una posizione eretta davanti alla fune e con la fronte rivolta verso la commissione esaminatrice.
La prova ha inizio con la seguente procedura: il personale addetto all’assistenza dà il comando “a posto” per indicare al candidato che la prova sta per iniziare; successivamente dà l’ordine “via” e, contestualmente, la commissione esaminatrice fa partire il cronometraggio della prova stessa.

  1. >Salita alla fune fino ad un’altezza di 5 m (contrassegnati sulla fune stessa con un segnale visivo) con uso obbligatorio anche degli arti inferiori; successivo passaggio alla pertica posizionata lateralmente con presa di almeno una delle mani al di sopra dei 4,8 m (contrassegnati sulla pertica stessa con un segnale visivo) e discesa controllata al suolo dalla pertica
  2. Traslocazione su trave alta 1,2 m, larga 10 cm, lunga 5 m
  3. Scavalcamento di parete in legno liscia alta 2 m, larga 2 m e spessa 4 cm, senza l’ausilio dei montanti laterali e passando obbligatoriamente per la posizione di busto eretto con appoggio delle braccia sul bordo superiore della parete
  4. Passaggio attraverso un tunnel lungo 6 m e del diametro di 0,8 m
  5. Trasporto sulle spalle di una massa di 40 kg per 10 m, garantendo che durante lo spostamento tale massa non venga mai a contatto con il suolo
MODULO III – PROVA NATATORIA

Il campo di svolgimento della prova è costituito da una corsia di piscina lungo la quale, a distanze prestabilite, vengono posizionati 5 ostacoli di 70 cm di altezza ciascuno. Gli ostacoli sono disposti, con la parte superiore al livello dell’acqua, in linea retta per la larghezza della corsia alle seguenti distanze:

1° ostacolo: 9 m dalla testata di partenza;
2° ostacolo: 11 m dalla testata di partenza;
3° ostacolo: 13 m dalla testata di partenza;
4° ostacolo: 15 m dalla testata di partenza;
5° ostacolo: 17 m dalla testata di partenza.
La distanza tra il primo e il quinto ostacolo è 8 m.

Gli ostacoli, dell’altezza di cm 70 e della larghezza della corsia, sono realizzati con pannelli verticali e non hanno parti pericolose. I pannelli sono costituiti da una rete a maglie larghe, che non permette il passaggio di un nuotatore, trattenuta da un tubo di materiale plastico, per il perimetro totale di ciascun pannello. La rete ha un colore visibile sott’acqua. La parte superiore dell’ostacolo è posizionata al livello dell’acqua. Una corsia di galleggianti aggiuntiva è posizionata sulla parte superiore del primo ostacolo.

Tenuta durante la prova:

Obbligatori: costume da bagno e cuffia;
Facoltativi: occhialini da piscina e nose-clip (tappanaso a molla).

Ai candidati non è permesso utilizzare o indossare alcunché possa dare un qualsiasi vantaggio, ad esempio: guanti palmati, mute, cerotti (solo su prescrizione medica), ecc.
I candidati dovranno disporre di accappatoio e ciabatte da piscina.

MODULO IV – VERIFICA DELLA CAPACITÀ PRATICA

Il candidato deve realizzare, con le strumentazioni e gli utensili messi a disposizione, la prova di seguito indicata in un tempo massimo di 14 minuti, seguendo le indicazioni di dettaglio appresso riportate.

PROVA:
Il candidato si presenterà al banco di prova munito di calzature da ginnastica e indumento a manica lunga. Il banco sarà allestito con gli attrezzi, gli strumenti ed i materiali idonei alla corretta esecuzione della prova. Al candidato, all’atto della prova, sarà fornito anche lo schema di assemblaggio dell’elemento da realizzare a chiarimento della descrizione di seguito riportata:

  • A) suddividere una tavola in legno di abete di dimensioni 80 x 12 x 2,2 cm, in due parti uguali e perfettamente sovrapponibili di lunghezza pari a 40 cm, mediante taglio ortogonale all’asse principale eseguito con una sega a mano.
  • B) unire le due tavole con due staffe metalliche ad “L” di dimensioni 5 x 5 cm mediante n. 8 viti filettate in modo che le due parti siano perfettamente ortogonali e che formino un “angolo solido” di 90°. L’assemblaggio deve essere eseguito in modo tale che una delle due tavole venga perfettamente allineata e sovrapposta lungo il lato maggiore dell’altra, per lo spessore del proprio bordo e per tutta la sua lunghezza. Le staffe devono essere fissate sull’angolo interno, ad una distanza dai bordi stabilita dalla commissione.
  • C) fissare l’elemento costruito, utilizzando n. 2 chiodi di acciaio, ad un supporto verticale in legno ad una altezza indicata dalla commissione, avendo cura di mantenere la faccia di minore superficie perfettamente aderente al predetto supporto. I chiodi devono essere infissi negli angoli superiori dell’elemento, ad una distanza indicata dalla commissione, misurata sulle bisettrici degli angoli stessi. La faccia dell’elemento avente superficie maggiore deve rimanere a sbalzo, in modo da risultare perfettamente orizzontale ed in posizione sottostante alla parte fissata alla parete.

La valutazione terrà conto del tempo impiegato e della corretta esecuzione della prova.

Le informazioni sopra riportate riguardano l'ultimo concorso pubblico per l'accesso al ruolo di Vigile del Fuoco nel dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile
Fonte: www.vigilfuoco.it.

Quiz Concorso

Di seguito, divisi per materie, i quiz della prova preselettiva per l’accesso al ruolo di Vigile del Fuoco nel Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco.


CONCORSI:

MINISTERO DELL’INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE – CONCORSO
Scadenza: 15 febbraio 2018
Posti: 20

Concorso pubblico, per esami, a venti posti nella qualifica di vice direttore del ruolo dei direttivi del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. (GU n.5 del 16-01-2018)

MINISTERO DELL’INTERNO – DIARIO
Posti: 250

Informazioni concernenti i colloqui del concorso pubblico, per titoli ed esami, a 250 posti nella qualifica di vigile del fuoco del corpo nazionale dei vigili del fuoco. (GU n.94 del 12-12-2017)

MINISTERO DELL’INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE – DIARIO
Posti: 250

Conferma del calendario della prova motorio-attitudinale del concorso pubblico, per titoli ed esami, a 250 posti nella qualifica di vigile del fuoco del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. (GU n.69 del 12-09-2017)

MINISTERO DELL’INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE – DIARIO
Posti: 250

Elenco dei candidati ammessi a sostenere la prova motorio-attitudinale del concorso pubblico, per titoli ed esami, a 250 posti nella qualifica di vigile del fuoco del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e comunicazioni concernenti il calendario della prova motorio-attitudinale. (GU n.50 del 04-07-2017)

MINISTERO DELL’INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE – DIARIO
Posti: 250

Conferma del diario della prova preselettiva del concorso pubblico, per titoli ed esami, a 250 posti nella qualifica di vigile del fuoco del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. (GU 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.28 del 11-4-2017)

MINISTERO DELL’INTERNO – RETTIFICA
Posti: 30

Rettifica della graduatoria finale del concorso pubblico, per titoli, a trenta posti per l’accesso al ruolo dei vigili del fuoco in qualita’ di orchestrale della banda musicale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. (GU 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.27 del 7-4-2017)

MINISTERO DELL’INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE – GRADUATORIA
Posti: 30

Avviso di pubblicazione della graduatoria finale del concorso pubblico, per titoli, a trenta posti per l’accesso al ruolo dei vigili del fuoco in qualita’ di orchestrale della banda musicale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. (GU 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.17 del 3-3-2017)

MINISTERO DELL’INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE – CONCORSO
Scadenza: 15 dicembre 2016
Posti: 250

Concorso pubblico, per titoli ed esami, a 250 posti nella qualifica di vigile del fuoco del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. (GU 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.90 del 15-11-2016)

MINISTERO DELL’INTERNO – GRADUATORIA
Posti: 10

Avviso di pubblicazione della graduatoria finale del concorso pubblico, per esami, a dieci posti nella qualifica di Funzionario amministrativo – contabile vice direttore del ruolo dei funzionari amministrativo contabili direttori del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. (GU 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.80 del 7-10-2016)

MINISTERO DELL’INTERNO – GRADUATORIA
Posti: 10

Avviso di pubblicazione della graduatoria finale del concorso pubblico, per esami, a dieci posti nella qualifica di Funzionario amministrativo – contabile vice direttore del ruolo dei funzionari amministrativo contabili direttori del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. (GU 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.80 del 7-10-2016)

Pagina 1 di 4123..Ultima